L’interesse russo per la piattaforma P2P di Paxful aumenta del 350%

Paxful ha rilasciato dati che mostrano un uso crescente della sua piattaforma di trading peer-to-peer in Russia.

I dati del mercato Bitcoin Code Paxful mostra un enorme aumento di interesse per il trading peer-to-peer di cripto-valuta in Russia, con una crescita del 350% su base annua (YoY).

Secondo lo studio, dal maggio 2019 al maggio 2020, Paxful vede ora un volume medio mensile di trading di 4 milioni di dollari in Russia. La società afferma che questo numero „supera le aspettative“, insieme alle cifre di aumento dell’utilizzo di YoY.

Gli ultimi tre mesi hanno visto un aumento del 42%, con il mese di maggio che ha registrato la migliore performance mensile in mezzo alla pandemia COVID-19. Il virus è uno dei principali motori della crescita secondo Paxful.

Mancanza di fiducia nelle banche russe

Parlando con il Cointelegraph, Ray Youssef, CEO di Paxful, ha fornito le sue riflessioni sulle ragioni del picco. Ha detto che c’era una „forte convinzione nel futuro della crittovaluta“ combinata con una „mancanza di fiducia che alcuni possono sperimentare all’interno dei loro sistemi finanziari tradizionali“.

„COVID-19 ha anche portato un’ondata di insicurezza finanziaria a livello globale, che ha contribuito a un maggior numero di interazioni peer-to-peer all’interno del settore della crittografia“.

Youssef ha ricordato l’esperienza dei russi durante la crisi economica del 1998, quando la gente ha cercato di prelevare denaro contante senza successo, poiché

„le banche sembravano essersi prosciugate“. Una svolta verso BTC potrebbe „essere quella di compensare eventuali danni economici“ che potrebbero verificarsi a causa della pandemia, ha detto.

Attenzione ai monoliti

Anton Kozlov, manager di Paxful per il mercato russo, ha aggiunto che la Russia ha „sempre avuto un sistema bancario monolitico“, il che sta incoraggiando i cittadini a cercare modi alternativi per partecipare ai mercati finanziari come il trading P2P criptato.

Recentemente, un ramo del governo federale russo ha pubblicato una bozza di nuovo contenzioso chiamato On Digital Financial Assets, che si concentra sull’applicazione di severe leggi sulla cripto-valuta nel paese. La legislazione non è stata ancora approvata ed è in discussione dal 2018.

Share